#Bonjour #Paysbasque – #EuskaHerria n. 09-01/08/2018 Ecco ieri mattina volevo fare un giro in bici lungo la costa basca. Mi hanno proposto una “VTT” ovvero un Vélo Tout-Terrain, che sta per mountain bike. Io le ho sempre snobbate le mountain bike. Ma proprio snobbate al punto da non sopportarle, tanto mi ricordavano le mattine in cui non riuscivo a convicere mio papà a accompagnarmi in macchina a scuola e non avevo ancora la mia versatilissima city bike gialla, cavalcata a partire dalla terza liceo (e che mi fu rubata con mio sommo sconforto giusto una settimana prima del mio addio a Ferrara). Ecco, ieri mattina il biciclaro insisteva malgrado avessi fatto la mia faccia più snob (sopracciglio alzato d’obbligo) alla sua proposta. Bon. Insisteva e che faccio, non mi fido? Ho accettato la sfida. Risultato? I definitely ❤ mountain bikes. E lovvo anche un po’ Benoît, il biciclaro, per la proprietà transitiva. Malgrado il suo nome mi ricordi il tipo di Predappio.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

N.B. Le mountain bikes sono dei SUV su due ruote. Non che io abbia mai amato i SUV e la loro generale arroganza, sia chiaro. Ma ti danno quel senso di “posso andare ovunque con te” che #ciaone alle bici da corsa, che saranno pure leggere ed eleganti tipo levriero inglese, ma quanto sono snob #sepiove#seisassi #seisanpietrini #selasabbia …. #emo’basta

P.S. Alla fine sono arrivata in Spagna. Un’ottantina di chilometri su e giù per le falesie. Meraviglia.

P.P.S. La tentazione era quella di restarci, in Spagna, dopo un giro di tapas, di rosé e dei semplici ma profumati chewing gum dall’ambiguo nome: “Hierba Buena”. Ma ho optato per rientrare alla base… perché oggi ho troppo da fare a Biarritz… #surf