Premio giornalistico WRITE AIDS -2010
Aids: vietato distrarsi
(dicembre 2010)

Aids, vietato distrarsi. Mancata percezione del rischio, occasionalità senza consapevolezza, stigmatizzazione. Questi risultano tuttora tra i fattori che non permettono uno schieramento sociale compatto davanti a una sindrome che, nonostante la rivoluzione sul fronte terapeutico avviata nel ’96 con l’introduzione dei farmaci antiretrovirali – fino all’attuale sperimentazione di una terapia immunostimolante (il ‘vaccino anti-aids’ della Ensoli) -, continua a registrare nuovi casi.

“Le politiche di riduzione del danno – fa sapere Luisa Garofani, direttrice del Sert Ferrara –, realizzate tra le popolazioni a rischio, hanno avuto successo. Il contagio non si è però bloccato: è divenuto trasversale. Tuttavia, grazie ai progressi della farmacologia, è notevolmente migliorata la qualità e l’aspettativa di vita degli infetti, abbattendo la carica virale. Un risultato – mette in guardia Garofani – che non significa però garanzia di immunità o guarigione dalla malattia”. [Continua…]

Clicca qui per scaricare il mio reportage.